Discussions    |    Log in    |    Sign up    |    acsearch.info Language  



Advanced Search | Search Manual


View:

with frames
without frames

Language:

English
German
French
Italian
Spanish
Others

Results sort by *:



Auction house / Dealer:

   x

* If you search for a certain auction, the results are sorted by the lot number.

** If you search for a certain auction, the search engine chooses the lot number over the search term. If you do not enter a lot number, the search engine uses the search term. To search for a complete auction, do not enter any lot number or search term.

Direct URL:



Record

Source

Discussions (0)
ID: 56319







Source

Numismatica Ars Classica NAC AG

Auction Auction 37 (17.02.2007)
Lot 1068  ( «  |  » )
Estimate 3000 EUR
Price 3600 EUR (~4728 USD)

Show the 25 most similar records  |  Bookmark

Share:    |   

Description

Importante Collezione di Medaglie Auree dei Pontefici da Sisto V a Giovanni Paolo II
Benedetto XV (Giacomo della Chiesa di Genova Pegli, 1914-22)

No.: 1068
Estimate: EUR 3000.-
d=47 mm

Medaglia anno II. AV 57,08 g. – ø 44 mm. BENEDICTVS·XV· PONT·MAX·A·II Busto del pontefice a s. con zucchetto, mozzetta e stola legata sul petto e ricamata con motivi vegetali intrecciati; sulla spalla BIANCHI. Rv. REGINA·PACIS ORA·PRO·NOBIS Il Papa a s. nell’atto di implorare la Madonna che porge un ramo di olivo; davanti in ginocchio le figure simboliche dei cinque continenti; all’esergo A·MDCCCCXVI (1916); sotto BIANCHI. R.Z 875. Bartolotti E 916 pag. 343. Modesti-Cusumano Pio X e Benedetto XV nella medaglia 176 pag. 135.
Molto rara. q.Fdc

Autore: Francesco Bianchi; anno di emissione 1916. E’ l’anno in cui più violenta infuria la guerra che fu definita da Benedetto XV "Il suicidio dell’Europa civile" e nella quale anche l’Italia era entrata già dal 24 maggio del 1915. Il Pontefice si prodigò in una instancabile opera di umana carità per alleviare sofferenze e dolori alle più dirette vittime della guerra; per suo energico intervento il riposo domenicale fu assicurato anche ai prigionieri, i quali se divenuti inabili al servizio militare e padri di numerosa prole, furono resi alle loro terre; oltre trentamila ammalati francesi, inglesi, italiani, belgi e austriaci, furono curati per intervento della S. Sede, negli ospedali svizzeri e i più gravi poterono far ritorno alla loro patria. Preghiere di pace salivano dalle chiese di tutta Europa. Fin dal 16 novembre 1915 le preghiere di pace salivano dalle chiese di tutta Europa. Fin dal 16 novembre 1915 il Pontefice aveva permesso ai vescovi di adottare temporaneamente l’invocazione "Regina pacis pro nobis" nelle litanie. Più tardi con lettera del 5 maggio 1917 al Segretario di Stato, il Papa ordinò che a comunciare dal 1 giugno 1917 e per sempre, fosse fissata questa invocazione nelle litanie lauretane e a questa disposizione si riferisce la medaglia. (cfr. Osservatore Romano, 18-VI-1916) (dal Bartolotti)